home/i monumenti/

Cappella della Madonna di Montevergine

Precedente Su Successiva


Il 27 aprile 1924 fu benedetta ed aperta al pubblico una Cappella dedicata alla Madonna di Montevergine, situata nella contrada Giovanni Viglione. Il parroco, don Gioacchino Pedicini, nominato prima Vescovo di Ariano Irpino e successivamente di Avellino, nel “Cronicon Parrocchiale”, nel Vol. I, a pag. 63, scriveva: - Il 27 Aprile fu benedetta ed aperta al culto una cappella costruita in contrada Giovanni Viglione, presso la masseria detta del barone, perché di proprietà dei Baroni Buono di Vitulano. Essa è dedicata alla Madonna di Montevergine ed è stata fatta per l’interessamento ed iniziativa di tal Giuseppe Iannuzzi di Angelo, nativo di Castelpoto e domiciliato con molti suoi parenti e compaesani alla detta contrada -. Si dice che il sig. Iannuzzi decise di costruire questa chiesetta, in quanto durante il periodo della Prima Guerra Mondiale, la Madonna gli apparve in sogno e gli disse: "Costruisci una chiesa in mio nome nel punto in cui io ti indicherò". L'episodio ricorda molto il sogno in cui la Madonna ordinò al Papa la costruzione dell'attuale Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. "Dovrai costruirla nel luogo esatto in cui domani cadrà la neve", continuò la Madre di Dio. Era il 6 agosto. Il sig. Giuseppe, un po' titubante, chiese alla Vergine come costruire la chiesa, dal momento che il suolo, da lei indicato, era di proprietà del fratello Laureato; la Madonna gli rispose di non preoccuparsi, perché il fratello gli avrebbe ceduto il terreno. Senza averla chiesta, il sig. Iannuzzi ottenne, inoltre, una licenza per ritornare a Foglianise. Giunto in paese, la Vergine apparve sia a lui che alla moglie, ripetendo di fondare la Cappella. Giuseppe, trovandosi in un contesto storico molto difficile, con una famiglia a carico, non sapeva come fare, ma, su indicazione della Madonna, si recò alla banca di Vitulano, paese limitrofe, e gli fu concesso un prestito. Ottenuto il denaro, prese il via l'edificazione della chiesa. Dopo aver terminato i lavori, il sig. Iannuzzi si recò a piedi al Santuario di Montevergine (provincia di Avellino, m 1270 s.l.m.) per ricevere una tela raffigurante la Vergine. Durante il viaggio di ritorno si verificò un fatto curioso: un cagnolino accompagnò l'effige della Madonna per tutto il tragitto, di circa 50 Km, che andava da Montevergine a Foglianise. Inoltre, stabilitosi definitivamente nel paese del beneventano, ogni volta che veniva celebrata la messa nella Cappella, il cane si inginocchiava dinanzi all'altare, guardando fisso l'effige nella nicchia, e al "Ita missa est" si alzava e usciva. La chiesa, tuttora esistente nella forma originale, misura 5 metri di lunghezza e 5,50 di larghezza per 5 metri di altezza. L'altare è in miniatura; il pavimento è stato realizzato in marmo. La volta, tempestata da minuscole stelle, è stata dipinta da Michelangelo Pedicini e Nicola Iadonisi, guidati da Nicolino Pedicini. In seguito fu donato un lampadario e una ghirlanda di luci per illuminare il quadro della Madonna. Nelle pareti laterali è possibile osservare due nicchie contenenti le rispettive statue di San Michele e San Costanzo. Sull'altare, una cornice ricoperta da vetro racchiude una tela raffigurante la Madonna di Montevergine. La Cappella fu benedetta da Mons. Gioacchino Pedicini, con una solenne messa cantata. Dal giorno della consacrazione, le donne della zona, nel giorno della festività, offrirono alla Madonna monili, collane, orecchini, spille, anelli, costituenti un primo patrimonio aureo, che pian piano è andato arricchendosi. L'oro fu conservato dal sig. Giuseppe Iannuzzi fino al 1969, anno della sua morte. Da allora il parroco don Alfonso Pedicini lo affidò alla custodia del nipote del fondatore. La festa della Madonna di Montevergine viene celebrata ogni anno il giorno 8 settembre. La sera precedente, si svolge una toccante fiaccolata che parte, verso le ore 19, dalla chiesa di S. Anna e giunge intorno alle ore 20,45 alla Cappela della Madonna di Montevergine in C.da Giovanni Viglione.

la facciata della cappella della Madonna di Montevergine; in alto l'effige della Vergine


Precedente Su Successiva