home/i monumenti/

Centro storico

Precedente Su Successiva


E' caratterizzato da una particolare conformazione urbanistica di impianto Longobardo costituita, da un tessuto edilizio molto compatto con una rete intricata di vicoli e passaggi. Molti portali dei borghi antichi conservano chiavi di volta con interessanti ornamenti scolpiti su pietra locale. Tra i luoghi più caratteristici del centro storico, ricordiamo le seguenti zone:

- Leschito: il nome di tale contrada trae sicuramente origine dalle "Lesche", tipica fibra vegetale dura e filiforme con la quale le nostre nonne, intrecciandola, costruivano efficaci scope per spazzolare pavimenti e cortili. Qui si trova la casa natale di Monsignor Francesco Pedicini, arcivescovo di Bari, che dedicò al suo luogo natìo: "La Valle Vitulanese e S. Menna Solitario". L'abitazione contiene un oratorio che presenta un altare artistico in legno di ulivo, una piccola immagine della Madonna Immacolata, la Via Crucis, un busto del Pedicini, un messale e sulla porta di ingresso il suo stemma Vescovile. Monsignor Pedicini voleva fortemente avere, nella sua casa natale, un oratorio privato e, in uno dei suoi viaggi verso Roma, inviò una lettera a Papa Pio IX, con la richiesta di poterlo realizzare. Ottenuta la concessione, il Monsignore vi celebrò messa per la prima volta il 24 ottobre 1856.

- Palazzo e Barassano: conservano ancora oggi i tratti del borgo medievale. Mura e portali in pietra, stradine strette e tortuose, freschi sottopassaggi, vicoletti, piccoli tracciati e scale ripidissime. Le loro viuzze, un tempo animate da fumose botteghe artigiane, sono oggi malinconiche, deserte e silenziose.

- Posto: è un casale che possiamo guardare solo dal basso, arroccato, incastrato quasi nella roccia grigia del monte Caruso, sembra proprio un antico posto di guardia per il controllo della valle. La sua ripida stradina oggi è scomoda, ma, non si lascia ancora piegare dai tentativi dell'uomo di percorrerla in automobile.

- Sirignano: casale dell'antica contea di Tocco, è oggi una grande frazione di Foglianise. Patria di Basilio Giannelli, illustre poeta e Regio Consigliere di Carlo II, Sirignano conserva una Cappella dedicata alla Madonna del Carmine, molto venerata dai suoi abitanti. Caratteristico è il Vico Antonio Goglia, che collega l'abitato con Via Provinciale Vitulanese.

due immagini del centro storico di Foglianise: in alto uno scorcio della contrada Palazzo, in basso vico Rienzi


Precedente Su Successiva